giogo07

Guarda l’altimetria del percorso

Dal parcheggio del Centro Sportivo si scende verso sud costeggiando i campi da tennis, e si prosegue in discesa fino ad arrivare ad una fioriera, superata la quale si entra in viale Due Giugno svoltando verso dx. Allo stop si svolta verso dx sulla S.P. Montanara e si percorre in salita fino a giungere in località San Miniato (Km. 0,890) dove, in corrispondenza della chiesa sulla sx, si svolta a dx in via Peschiere. Si sale su strada bianca, al primo bivio si tiene la sx, si arriva ad un tratto asfaltato, alla fine del quale si prosegue decisamente verso dx ancora in salita, alla fine della quale si arriva nei pressi di una casa colonica (Canova di Vinco Km. 3,130), si evita il tratturo a sx in salita e si prosegue lungo la principale. Proseguendo si incontra una ulteriore strada a sx in salita che si evita ed al successivo bivio si tiene la sx proseguendo in via della Casaccia. Alla successiva casa colonica (Casaccia) si evita di entrare nell’aia e si tiene la sx, subito dopo si costeggia un deposito attrezzi e in discesa si arriva al guado di un rio (non sempre c’è acqua, spesso solamente fango) (km. 4,280), oltre il quale si prosegue su fondo terroso in salita.
mappa_MontefunePiantonicoRioMagnolaDopo essere transitati nei pressi di Tizzano (rudere) un tratto di erta salita conduce nel’aia di Morara, svoltato a sx si percorre tutta l’aia fino a rientrare su strada asfaltata (via Montefune) per mezzo della quale si inizia a salire. Al successivo bivio si prosegue a sx sempre in salita e sempre su asfalto, si evita alla dx via Selva della Massa e si arriva alla fine dell’asfalto in uno spiazzo ghiaiato, dove sulla sx si può notare una carrareccia (km. 6,720) che scende e lungo la quale nel mese di maggio viene corsa una gara di down hill.
Evitata questa carrareccia si prosegue su ghiaia in salita fino ad un gruppo di case (Montefune), superato il quale subito dopo un piastrino si trova alla sx una strada con fondo terroso in leggera discesa. Ci si inoltra lungo questa strada fino al Km. 9,320. A questo punto si svolta a dx in salita su fondo terroso all’interno di un castagneto, lungo la salita il poco allenamento può costringere a qualche tratto a piedi, poi la strada spiana e per un attimo si apre sulla Valle del Santerno.
Si prosegue in salita alla fine della quale (km.10,200) si evita una deviazione a sx e si prosegue ancora in salita. Un successivo tratto di discesa porta ad una confluenza di stradine, nei pressi della quale vi è un monumento, il percorso prosegue dritto in salita su fondo roccioso, poi un sali scendi conduce, dopo un tratto di discesa tecnica, su una ghiaiata che si infila verso sx in salita. Si costeggia una casa colonica (Le Brillete) e si prosegue su fondo che diventa terroso. Subito dopo un picco di salita ed un leggero tratto di discesa, al Km. 12,210 si svolta verso sx su strada secondaria. Ancora un tratto di decisa salita ed in uno spiazzo si tiene la dx in salita che ci porta alla principale che va verso Monte la Fine.
Si svolta a sx e dopo un tratto in discesa si arriva ad uno spiazzo con fondo erboso (km. 13,460) nel quale alla dx si intravedono due strade che si buttano all’interno del bosco. Infilata quella delle due meno a dx, una decisa discesa tecnica porta, tenendo sempre la sx in località Paroncellina, dove il percorso prosegue su strada con fondo migliore. Si evita alla sx una discesa cementata (via Selva della Massa) e si prosegue fino ad arrivare nei pressi di un deposito d’acqua, subito dopo il quale a sx si nota una vecchia strada che scende all’interno del bosco (km.14,680). Presa questa strada ci si ritrova in via Selva della Massa, e si effettua una discesa su fondo cementato. Qui un lungo sali scendi all’interno del castagneto lascia tirare un po’ il fiato. Al Km. 16,300, occorre effettuare una brusca svolta verso sx in corrispondenza di un numero civico (464 ? ), 10 mt. Ed un’altra svolta verso dx immette in una strada interpoderale all’interno di un castagneto, alla fine del quale si sbuca su ghiaiata nei pressi del Campeggio Le Selve.
Infilata la strada ghiaiata verso sx, si tiene la recinzione del campeggio sulla dx, alla fine di questa recinzione si scende su fondo prima ghiaiato, poi terroso, fino ad arrivare ad un rudere (Valpiena), superato il quale al Km. 17,820 ad una biforcazione si tiene la sx. Dopo circa 200 metri si abbandona la strada e si scende a sx costeggiando un campo. Arrivati ad una successiva biforcazione si tiene la sx e si scende ancora su fondo tecnico fino ad arrivare ad un primo guado. Una serie di guadi e sali scendi portano ai piedi di un’erta salita, alla fine della quale si entra nuovamente su asfalto, svoltando a dx in salita (Km. 19,560).
Al Km. 19,900 si abbandona nuovamente l’asfalto e si svolta a sx, si supera un cancello quasi sempre aperto, a volte accostato, e si arriva ad una casa colonica (Cannevella) che si supera lasciandola a sx, e dopo la quale si svolta a dx in salita su fondo erboso. Un tratto in sottobosco porta ad un pilastrino e ad un innesto su altra strada, sulla quale si svolta in discesa. Un lungo tratto di discesa prima con fondo smosso, poi su asfalto in corrispondenza dei ruderi del Castello Alidosi, poi di nuovo su terra e ghiaia riporta nelle vicinanze di Castel del Rio. Al Km. 21,870, all’esterno di una curva a gomito verso dx, vi è sulla sx un sentierino semi nascosto, infilato il quale si scende fino ad innestarsi (ATTENZIONE) verso dx sull’asfaltata di via Montefune, poi via Ambrogini e si arriva al parcheggio del Centro Sportivo (Km.22,300).